Numero verde per automobilisti e assicuratori: 800 97 83 20 | Numero per le carrozzerie: 02 305 636 00 | info@soluzionecarrozzeria.com

Numero verde per automobilisti e assicuratori
800 97 83 20
Numero per le carrozzerie
02 305 636 00
info@soluzionecarrozzeria.com

Nuove regole 2021 codice della strada: monopattini nel mirino e inasprimento delle sanzioni
Nuove regole 2021 codice della strada: monopattini nel mirino e inasprimento delle sanzioni

Il Senato ha approvato le modifiche al DL Infrastrutture che contengono la riforma del nuovo Codice della Strada, prevedendo principalmente nuove regole sull’utilizzo dei monopattini e multe per fumo e smartphone in auto.

Nuove regole per i monopattini elettrici

La riforma del codice della strada 2021 prevede come principale priorità quella di regolamentare l’uso dei monopattini (sia di proprietà che a noleggio), ma vediamo nello specifico quali sono le nuove regole:

  • Obbligo di frecce e stop a partire dal 1° luglio 2022: i monopattini commercializzati in Italia dovranno essere dotati di indicatori luminosi di svolta e di freno su entrambe le ruote.
  • Per quanto riguarda quelli già immessi in circolazione prima del 1° luglio 2022 dovranno adeguarsi entro il 1° gennaio 2024.
  • Il limite di velocità scende da 25 a 20 km/h fuori dalle aree pedonali (dove invece resta il limite di 6 km/h).
  • Divieto di sosta e circolazione sui marciapiedi, salvo nelle aree individuate dai Comuni: i monopattini perciò dovranno essere parcheggiati correttamente negli stalli riservati a velocipedi, ciclomotori e motoveicoli.
  • Obbligo di mostrare una fotografia del mezzo in sharing a fine noleggio, in modo da chiarire la posizione del monopattino.
  • Per poter circolare su strada pubblica i monopattini dovranno essere provvisti di luce bianca o gialla fissa anteriore, di luce rossa fissa posteriore, di catadiottro posteriore.
  • Obbligo di circolazione con giubbotto catarifrangente o bretelle retroriflettenti mezz’ora dopo il tramonto e per tutta la durata della notte.

Per il momento non è prevista l’introduzione di alcune delle regole più attese, fra cui l’introduzione dell’obbligo di targa e assicurazione per i monopattini, insieme a quella del casco. Tra le nuove regole non compare neanche l’obbligo del casco, che resta obbligatorio solo per i minorenni, con i monopattini che possono essere usati solo dopo aver compito 14 anni.

Nuovo codice della Strada: multa per cellulare alla guida

L’inasprimento delle sanzioni nei confronti di chi usa il cellulare alla guida è sicuramente uno dei principali punti del nuovo Codice della Strada. La norma vieta l’utilizzo alla guida in auto di telefonini, tablet, computer portatili anche di ridotte dimensioni, notebook e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante. Confermate dunque le sanzioni che vanno da un minimo di 165 euro a un massimo di 660 euro, oltre alla sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi se la stessa persona commette un’ulteriore violazione nel corso di due anni.

Bonus patente camion

Con la nuova riforma del Codice della Strada, verrà introdotto un bonus per i giovani under 35 e per i percettori del reddito di cittadinanza o altri ammortizzatori sociali per conseguire la patente da autotrasportatore e diventare camionista. Fino a 30 giugno 2022, per gli aventi diritto, spetta un rimborso del 50% delle spese sostenute e documentate per il conseguimento della patente e delle abilitazioni professionali per la guida di veicoli destinati all’attività di autotrasporto di merci per conto di terzi.

Quali sono le altre novità?

La riforma del codice della strada 2021, prevede altre novità importanti:

  • Possibilità di svolgere il servizio taxi, anche ai veicoli a due e tre ruote ed anche velocipedi.
  • Stalli rosa in via permanente o temporanea riservati a donne in gravidanza o genitori con figli fino a due anni, a partire dal 1° gennaio 2022, utilizzabili se in possesso di contrassegno speciale denominato “permesso rosa”, ma che sarà disciplinato con uno specifico provvedimento ministeriale, come la relativa segnaletica.
  • Stalli riservati alla ricarica di auto elettriche: divieto di sosta per i veicoli che non effettuano la ricarica e ai veicoli elettrici che permangono sullo spazio oltre un’ora dopo il completamento della ricarica. Questo limite non si applica tra le ore 23 e le 7 a eccezione dei punti di ricarica di potenza elevata, cioè per la ricarica veloce (superiore a 22 kW e pari o inferiore a 50 kW) e ultra-veloce (superiore a 50 kW).
  • Multa maggiorata per chi sosta nei parcheggi riservati ai disabili senza averne diritto: va da un minimo di 168 euro fino a 672 euro nei casi più gravi (prima la sanzione andava da 84 a 335 euro). Oltre alla sanzione amministrativa vengono decurtati anche sei punti dalla patente.
  • Possibilità per i disabili, a partire dal 1° gennaio 2022, di parcheggiare gratis sulle strisce blu nel caso in cui gli stalli a loro riservati sono occupati o non disponibili, come già avviene in alcune città.
  • Non sarà più obbligatorio recarsi al comando di polizia o dei carabinieri per esibire la patente se nel caso si viene fermati sprovvisti: l’esistenza e la validità dei documenti potranno essere verificati dalle Forze dell’Ordine consultando le banche dati.
  • Multe delle auto a noleggio: saranno esclusivamente a carico dei clienti della società, che pagheranno la somma dovuta per le infrazioni commesse mentre erano alla guida.
  • I Comuni e gli altri enti locali saranno anche obbligati a pubblicare sul proprio sito web, entro il 30 giugno di ogni anno, una relazione sulla somma incassata nell’anno precedente dalle violazioni del Codice della strada e sul modo con cui queste somme sono state utilizzate.
  • Prolungamento della validità del foglio rosa da 6 a 12 mesi. Inoltre l’esame di teoria per la patente di guida sarà valido fino a tre tentativi di prova pratica (la prima e due ripetizioni).
  • Neopatentati: possibilità di guidare veicoli con potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t e potenza massima pari a 70 kW se al loro fianco siede, in funzione di istruttore, una persona di età non superiore a sessantacinque anni, munita di patente valida per la stessa categoria o superiore, conseguita da almeno dieci anni.
  • Raddoppio delle sanzioni per chi getta rifiuti dal finestrino dell’auto in sosta o in movimento, da un minimo di 216 ad un massimo di 866 euro;
  • Il ricorso al prefetto per atti di contestazione di infrazioni del codice della strada può essere effettuato anche per via telematica, attraverso la posta elettronica certificata.

Altri News

SoluzioneCarrozzeria